Raduno Vespistico Nazionale Colline del Prosecco

Vespata con prosecco 3/4/5 ottobre 2014

Conegliano Veneto 3/4/5 Ottobre 2014

Video
Altra avventura degli instancabili “Cadreguni”.
Potevamo mancare al raduno VESPA nella zona del Prosecco? Certo che no!
Con le Vespe partiamo da Verona i componenti sono:
Alvaro : PX 125 del 1980

Paolo : PK 50 del 1985 (bombardato)
Piero : 150 del 1961


Roberto : PX 200 del ‘83

(prestito dal farmacista)

Giampiero: PX 125 del’ 81

(prestito da Piero)

Gianni : Pk 125
Davide : LX 125
Stefanino : Px 125
Gabriele : LX 125
Scarichiamo le nostre arzille Vespette. Siamo gasati, e sgasiamo per scaldare i motori, dopo qualche minuto siamo immersi in una nuvola di fumo, accompagnati anche dal tipico odore del Castrol 2t, è quello che ci vuole per creare l’atmosfera giusta. Partiamo, direzione Conegliano Veneto, circa 140km. Su strada statale non sono pochi, vogliamo arrivare prima che venga buio, perché i nostri impianti elettrici non sono molto affidabili. Sulla mia non funzionano le frecce, quella di Paolo il faro anteriore, a quella di Giampi il fanalino posteriore, un bello assortimento!. La velocità di crociera è sui 70km/h. La Vespa di Paolino, che in origine era un cinquantino e che ha sbiellato nel raduno di Mantova, ha pensato bene di aumentare la cilindrata, sarà 85?- 100? 125? , dice candidamente “ non so, ha fatto
tutto il mio meccanico "cavernicolo" Il risultato è che va più forte dei nostri 125!, quando cambia marcia la ruota anteriore si alza! speriamo che non sbielli di nuovo! Al primo rifornimento comincia il “cinema sugli alambicchi” per fare la miscela, neanche uno d’accordo chi al 1 chi al 2 chi al 3 chi al 5%. Paolino esibisce il biberon della pappa dei nipoti, mi sa che a casa lo stanno cercando ancora adesso! Piero invece ha un versatore millimetrato di precisione che
non si capisce niente! Ci sono anche le equivalenze in galloni! Il Giampi, si è fatto prestare il PX dal Piero , ma avendo dimenticato che con le Vespe antiche, si”rallenta“ prevalentemente con il freno posteriore, invece che con l’anteriore , come usava in pista con le moto da corsa; Risultato, alla prima frenata, da una bella strizzata all’anteriore facendo uscire cavo e guaina dalla leva del freno, (avete presente quelli del Joe bar?) Naturalmente i commenti
di noi VERI vespisti sono implacabili, tantè che al primo ristoro esclama: ”non parlo più con voi” e si apparta su un tavolo a mugugnare da solo!
EMOZIONI & STRIZZE
Mentre attraversiamo un paesino, il Piero stava superando una Panda, quando questa, all’improvviso devia a sinistra, sorpreso ma non impaurito, fa un po’ di metri affiancato, sfiorandola, barcolla un po’ con la gambe a penzoloni, poi finalmente riesce a evitarla, imperterrito prosegue per 50 mt. nella corsia opposta! Per poi rientrare nella corsia di destra senza fermarsi.
Commenta “ma te vist che pirla!” Che strizza! quattro complimenti ad alta voce per scaricare la tensione, poi si riparte. Ma dopo una decina di chilometri, sempre il Pierone, fa una grippata tremenda, si blocca la ruota , fa una bella virgola nera sull’asfalto come Marquez quando derapa, però riesce a stare in piedi , grazie anche alla sua stazza e la prontezza di tirare la frizione. È meravigliato, perché la sua “vecchietta” è sempre andata bene, seraficamente si accende una sigaretta , “quando ho finito di fumare vedrai che riparte”, infatti 2 pedate e riparte senza problemi, così anche per i giorni seguenti.
Mi ha fatto ricordare che anche la mia, (eravamo negli anni 60) quando facevo la Cisa con fidanzata e bagagli, grippavo almeno 3 volte prima di scollinare, però mi ha sempre portato a casa, Grande Vespa! Anche Paolo si prende una strizza, sempre attraversando i paesini, da una colonna di macchine, sbuca fuori una ragazza di corsa, grande frenata (per modo di dire) , lei con candore le dice “passi pure”, a!... grazie!
risponde Paolo con la fronte sudata. Giovanni dopo avere assistito alle “disgrazie” si tiene a debita distanza commenta: “non voglio passare sui cadaveri!” . Giampiero che negli anni 50 faceva il venditore, usava la Vespa personale per le visite ai clienti, altro che macchina aziendale! Prova a proporla ai TUOI venditori adesso, risparmieresti un pel po’! E’ certo che adesso riprova con piacere le stesse sensazioni di un tempo,
anche lui la ricomprerà (ha già una certa idea). Poi non succede più niente fino all’arrivo a all’Hotel Cristallo di Conegliano Veneto, dove ci aspettano i Francesi amici di Piero, con il Prosecco in fresco. Facciamo il primo brindisi, molto gradito, cominciamo ad allenare il palato a questo meraviglioso bianco a bollicine. Ceniamo in Hotel, salone tutto per noi, portate di pesce fantasiose, ci siamo scolati 8 bottiglie di prosecco, cominciamo” a carburare” .
Dopo cena andiamo al M.C. Conegliano, che è un bar/cantina. Come ci accoglieranno? ma con il Prosecco naturalmente! Con qualche frittatina di accompagnamento, gente allegra, spensierata, battute in dialetto veneto molto divertenti, i dialetti vanno parlati e tenuti vivi , tanti giovani, pare che qui la crisi non sia arrivata.
Visita nel centro storico, molto carino , bei locali, bella gente, niente “tamarri”, sembra un’altra Italia, arriviamo in un altro caratteristico locale (ma va! la vita è dura!), indovinate cosa beviamo! In parecchi negozi espongono le Vespe. Qui devo raccontare un aneddoto molto divertente (guardate il video) Il padrone del
locale decide di mettere una tenda esterna, arriva l’amico tendista, si salutano con un paio di prosecchi,
dopo i convenevoli cominciano a prendere le misure con le attrezzature del caso, (una bottiglia di prosecco), verso mezzogiorno il quaderno è pieno di numeri, quando montano la tenda e la svolgono… sorpresa ! tocca il pilastro non si può aprire tutta, suggerimento del tendista , taglia il pilastro! Alla fine invece di andare per vie legali sono andati per le vie del Prosecco , ed è rimasto tutto così! (pettegolezzo di un socio del Vespa Club Conegliano).
Sabato mattina, il Francese Boldrini, (che è un italiano “sgamato” che risiede in Francia) ma che lavora in questa zona , conosce bene i luoghi, specialmente dove si beve e si mangia bene, (ma non poteva rimanere in Italia?... Bo), ci porta alla Cantina Tonon,
ci accoglie il titolare che ci offre gli assaggi, non faccio nomi , ma per qualcuno di noi , per capire bene le caratteristiche del prosecco ne deve bere 3flut!. Grande casino si ferma tutta la ditta, ci fanno le foto assieme ai dipendenti, davanti all’ingresso carichiamo sulle nostre fide Vespe
qualche cartone da 6, che daremo poi a Davide che arriva sabato con il suo pulmino. Verso mezzogiorno la nostra “guida Francese” che è milanese ma parla anche veneto, ci porta in una bettola “la Cecchina” rustica ma piacevole, dove ci servono su dei vassoi di legno delle bruschette molto appetitose,
con lardo, pancetta, salsine, formaggi vari ,tutto cibo per curare il colesterolo, tanto, dopo Piero e Giampi si curano con il Danacol! convinti che è la cura migliore. Non ho contato le bottiglie (è meglio) altrimenti le nostre consorti si preoccupano. Nella vetrina sono esposte delle curiose locandine d’epoca ,che naturalmente fotografo per accrescere la nostra cultura generale (leggete il compito di un bambino nel 1954 ).
Alle 15 andiamo al ritrovo di Pederobba , in corteo ci portano alla Cantina Bellati molto bella , ma non sono molto organizzati . Una persona sola a servire un calice di vino, il pane non è ancora tagliato, e il salame pure! Delusione, noi apprezziamo la bellezza ma ci piace anche la sostanza! Si meno male che avevamo fatto il pieno poco prima!
.Nel frattempo i partecipanti aumentano, sono quelli della zona che si aggregano, arriviamo a Possagno e facciamo sosta al Mausoleo del Canova. (guardate il video)
Dopo il raggrupamento si prosegue su strade molto panoramiche in mezzo ai vigneti e ci fermiamo alla Cantina Dal Bello, Il titolare in persona ci fa visitare la cantina, ci spiega le varie lavorazioni; Molto ben organizzata , le vendite sono in crescendo (60.000 bottiglie all’anno,) specialmente all’estero, a dimostrazione
che se si lavora bene, si viene premiati. Si prosegue , ma lentamente perché le strade sono strette e ci sono delle belle salitelle che obbligano a mettere anche la prima marcia, arriviamo alla Azienda Agricola Colli Asolani, che sono quasi le 19 , non c’è più posto, parcheggiamo in mezzo alle vigne!
dovremmo mangiare polenta e salsiccia, ma comincia a imbrunire, sono già in fila qualche centinaio di affamati, decidiamo di tornare a Conegliano, Il solito ”francese” ci consiglia un posticino che non è niente male, si chiama “ Le Tre Panoce” è situato in un grande parco , in cima a una collinetta , molto affascinante, conosce il vecchio chef , che si è ritirato e che ci presenta il
nuovo, conclusione grande mangiata accompagnata da (indovinate cosa?) ma da uno spumeggiante Prosecco! A dire il vero Roberto, “il moderato” ha voluto “assaggiare” un rosso locale Sauvignon Cabernet, che ha trovato di suo gusto. Consiglio: se vi trovate nei paraggi andateci, ne vale la pena.
Domenica mattina , ritrovo allo spettacolare anfiteatro, musica dal vivo con un complesso Rok e ballerini caserecci ma simpatici, alle 11 inizia la sfilata delle Vespe anni 50, a seguire tutte le altre,
percorso spettacolare sulle colline del Prosecco sosta con degustazione a volontà presso la cantina Vigne Matte, situata in cima a una
collina con vista sui vigneti molto suggestiva, anche qui facciamo acquisti, il
millesimato è davvero squisito. Pranzo al Palavidor di Vidor, ottima organizzazione , tavoli prenotati con il nome del gruppo, salsiccia e costine genuine con servizio ai tavoli molto efficiente accompagnate dal solito Prosecco.
A proposito di questo vino bisogna riconoscere i suoi meriti: è gradevole, non taglia le gambe anche se si sfora, non viene il mal di testa e costa relativamente poco,nelle cantine da 4 a 5 euro e da 5 a 6 euro il millesimato, ecco il segreto del suo successo. Adesso alcune considerazioni sulle Vespe antiche per comprendere la genialità del progetto : Affidabilità, la mia ha 55000 km.
senza interventi sul motore e ha ancora le prestazioni iniziali, 85 km/h. di velocità max con un consumo di 30/40 km.litro secondo la velocità. Si può mettere un portapacchi anteriore e uno posteriore e c’è ancora spazio in mezzo alle gambe, carrozzeria in acciaio bel robusto, se si cade si ammacca ma non si rompe come i “plasticoni” d’oggi. Peso: attorno ai 100kg. E non 200/250 degli scooter moderni.
E poi ruota di scorta in dotazione che si può sostituire facilmente con una chiave da 13. Manutenzione ; praticamente nulla , a parte le gomme e qualche candela. Difetti? Ammortizzatori e freni un po’ scarsi per il traffico d’oggi, ma adeguati 50 anni fa. CONCLUSIONE : 3 giorni vissuti bene senza stress, anzi è la miglior cura per chi c’è là, è la formula antidepressiva d’eccellenza! Merito della formula :VESPA - PROSECCO – E… AMICIZIA
A lvaro Cecotti
Panoramica di Vespe curiose e interessanti.
Targhe curiose
Vespa spritz
Verniciature fantasiose e originali
Borsa elegante
Vespista incazzato
Parata tricolore
Vespa super bombardata 250 cc. Raffreddamento acqua
 
Vespa con seggiolino imbullonato sulla pedana,
Collezione cavatappi
Vespa/ape; gelataio
Vespa “ conservata”
Vespa rivestita in pelle incisa a mano
Vespe amplificate
Vespa 6 giorni versione ufficiale per gara : valore 30.000,00€. !!!
Ci sono anche tanti giovani che si avvicinano alle Vespe!
Al mausoleo non davano il “solito rifornimento” perciò la sosta è stata breve Musica in Piazza
Vespa “fantasiosa” chi capisce la scritta sul bauletto?
Notare 3 fari e bagagli ,starà in giro un mese!
Compagni di merende
Vespa Expo! Notare la sella
Va che bei colori!
La fantasia italiana non ha limiti!
La famosa, lussuosa, Trabant
Bellissima elaborazione
Vespe & Prosecco si abbinano bene!
4 Prosecchi!
In attesa…..indovinate!
Inquadratura di Davide , (dopo 3 Prosecchi!)
A questo non le piace la vernice!
Se facciamo l’alcool test andate a casa a piedi!
Formicaio di Vespe!
Non abbiamo ancora mangiato, ma il Prosecco è già finito!
Le vigne

Testo, Foto e Video By Alvaro Cecotti

Gallery di Eventi correlati:

Vespa World Mantova 2014

Raduno Vespistico Naz. Colline del Prosecco 2014

VESPA Club Francia 2015

VESPA Club WORLD Francia 2016

Gemellaggio Vespistico del Prosecco 2016

Raduno Vespistico Perla del Veneto 2017

Vespa Raduno Mandello e Memorial Roberto Patrignani

Vespe Padane 2018

Vespa Club RHO 2019

Vespa Provance Avignone 2019

70° Anniversario fondazione VESPA CLUB MILANO

Vespa Castagnata Conegliano 2019


Home Page
Sab, 10/12/2019 23:10 La vecchia Pagina Iniziale
Gallerie Slide Show dal 2013
e-mail eventi@area100.net